Anemone City - Beijing, Cina

Project

type       International Competition - Contest

client    Contest Cityvision

status   completed

site        Beijing - Cina

year       2014

 

Architect

arch. Alessio Pea


Future

L’espansione futura della città globale, intesa come una megalopoli che ha inglobato le aree urbane e trasformato quelle periferiche in campi di intensificazione demografica, ha generato forme di vita biologicamente modificate. L’inquinamento prodotto dalle industrie, la cattiva gestione dell’ambiente e l’eccessivo consumo elettrico della città hanno determinato condizioni di vita estremamente sofferenti. L’eccessiva dispersione di energia causa malattie e condizioni antigieniche per l’intera popolazione. Il comfort ambientale è inadeguato e i livelli di tossicità dell’aria superano i limiti di accettabilità, è necessario rigenerare la città e la propria popolazione.

 

Regeneration

Il processo di rigenerazione avviene proprio attraverso l’utilizzo della tecnologia ingegneristica della  biologia avanzata, è stato combinato in un unico elemento il DNA umano con quello animale. Per poter rinnovare l’ambiente umano è stato scelto l’esemplare biologico, con un assetto genomico complesso, capace di regolare il proprio sistema di microRNA come per alcune specie vegetali. La sua capacità intrinseca di ibridazione lo rende un “mostro genetico” per la combinazione molecolare. L’anemone marino è la specie animale-vegetale che regolarizza il fondale marino, e ri-stabilisce le funzioni vitali dell’ecosistema in cui si trova. Proprio per questo è stato scelto questo animale nobile come strumento di trasformazione, controllo e sviluppo di una nuova rigenerazione.

L’evoluzione della specie produce effetti positivi nell’ecosistema urbano, si sviluppa un nuovo modello avanzato di regolazione umana con miglioramenti di comfort ambientale, capaci di normalizzare i cambiamenti evolutivi degli esseri umani che precedentemente erano condizionati da fattori esterni incontrollabili.

 

Strategies

Il concetto della rete della Anemone City si sviluppa nell’intensa maglia infrastrutturale con la quale la pianificazione degli spazi aperti è stata organizzata. Tutte le aree della città metropolitana vengono raggiunti in maniera efficiente, sono progettati edifici verticali che riprendono la struttura formale dell’anemone stesso, corpo cilindrico ibrido con pareti semitrasparenti lucide, e scheletro interno portante. Questa tipologia futura di grattacielo permette di gestire i consumi della città e delle persone che la vivono. Sono delle vere e proprie centrali energetiche di monitoraggio e commercio delle funzioni vitali/naturali. Le torri sono tutte collegate tra loro attraverso un sistema di rete complesso e in continuo mutamento. Lo scambio di informazioni dati sulle condizioni della città globale permette una costante sostenibilità ambientale e uno sviluppo socio/culturale migliore per la popolazione.

Gli esseri umani adesso, sono in grado di sviluppare e consumare autonomamente le risorse energetiche di cui hanno bisogno senza inquinare la terra in cui vivono.